Archivi giornalieri: 2 luglio 2015


Aree interne: i Comuni hanno incontrato Regione e Ministero. Per i primi finanziamenti obiettivo settembre 2015.

  Una riunione molto importante quella che si è tenuta ieri mattina, 1 luglio 2015, presso la sede del Parco Nazionale dello Stelvio a Bormio. Presenti i Sindaci dei Comuni del comprensorio, il Presidente ed Assessore Compagnoni per la CM, altri Amministratori locali, una numerosa delegazione regionale con il Dott. Nardo, Dirigente della Struttura di Sondrio, e con il Sottosegretario on. Ugo Parolo. Composita anche la presenza di dirigenti di diversi Ministeri, guidati dall'ex Ministro Fabrizio Barca. Presenti inoltre il Presidente Tommasi  ed il Direttore Platter del Parco dello Stelvio, l'avv. Monica Fumagalli, Direttore amministrativo della AOVV, la Dott.ssa Cecconami, Dirigente dell'ASL, ed altre personalità.

Continua a leggere

Sondrio Provincia autonoma, Trabucchi: ” Siamo all’inizio ma la direzione impressa da Provincia e Regione è quella giusta”.

Il 30 giugno 2015 é certamente una data fondamentale nel percorso verso l'autonomia della Provincia di Sondrio. Come abbiamo già ricordato, il Consiglio Regionale ha infatti approvato la proposta di legge in attuazione delle legge 56/2014 che mette al centro la Provincia di Sondrio, come mai in passato. Il provvedimento riconosce alla nostra Provincia la delega su diverse materie, compresa l'agricoltura che invece per le altre province viene portata in competenza regionale. Viene fissato il principio in base al quale una parte delle risorse raccolte con la tassazione regionale resterà sul nostro territorio con particolare riferimento al bollo auto.

Continua a leggere

17° puntata: Valdidentro ed il Regno d’Italia (dal 1805 al 1815). Terza parte.

Più restie furono invece Valdidentro, Valdisotto e Valfurva che determinarono, sostenute dallo scontento Bormio, l’abbandono dei territori da parte dagli insorti, spesso “saccheggiatori ed avvinazzati, resi folli dai facili successi militari ottenuti”. La ritirata dei sovversivi si espanse poi a macchia d’olio per merito delle vittorie ottenute da Eugenio Napoleone e nel luglio 1809 il segno tangibile di ripresa del Regno italico si notò nell'emanazione del sistema tributario del “Dazio – consumo”, che sostituì le antiche licenze coattive con quelle libere, su cui però era imposto il pagamento del diritto fisso.

Continua a leggere